Ginnastica facciale: cos’è, a cosa serve ed esercizi per ringiovanire il viso

Tutti noi ormai siamo a conoscenza dell’importanza di fare in maniera costante attività fisica per mantenere il corpo sempre giovane e in forma. Ma la domanda che da diverso tempo assilla gli amanti dell’esercizio fisico è:

potrebbe essere altrettanto importante fare attività anche per il nostro viso?

La risposta è certamente si, ma di certo non si tratterebbe di un classico massaggio al volto. Tutto quello che c’è da sapere è che basterebbero circa trenata minuti al giorno di yoga facciale, da ripetere almeno per cinque mesi per vedere già un volto ringiovanito e più tonico.

Ginnastica facciale: cos’è e come funziona

ginnastica facciale: cosè e come funziona

Come detto non è un comune massaggio da eseguire con svogliatezza, ma di una vera e propria tecnica di ginnastica, chiamata per l’appunto ginnastica facciale e in grado di mixare le procedure di pressione eseguite con l’aiuto delle dita ad esercizi del tutto mirati al volto, in maniera da aumentare e rigenerare sia la muscolatura facciale sia la sua circolazione.

Questo tipo di esercizi riescono ad offrire un vero e proprio rinvigorimento della tonicità epiteliale, donando in maniera definitiva una pelle luminosa e scolpita in poco tempo e con poco dispendio di energie.

Tutti questi esercizi, uniti alla tecnica di massaggio specifica, riescono quindi a incentivare una grande produzione di collagene, aiutando così il volto a conservare elasticità e densità. Insomma, stimolando a dovere tutti e quarantatré i muscoli presenti nel nostro viso si riesce a scaturire quel irraggiungibile effetto di lifting naturale, famoso per il suo potere di sano ringiovanimento.

In poche parole, si allena la pelle come se stesse allenando il corpo in palestra, tonificando tutto sia esternamente che internamente. Tutti i gesti da compiere sono abbastanza energici, pur iniziando e finendo sempre da una posizione di rilassamento. Tutta la tecnica si concentra su una moltitudine di pressioni e pizzichi dall’alto verso il basso e viceversa, che agiscono in maniera graduale direttamente sui muscoli facciali.

Vantaggi e benefici della ginnastica facciale

vantaggi e benefici della ginnastica facciale

Come normale che sia, più si diventa grandi, più si invecchia e più i muscoli, specialmente quelli del viso, risultano meno tonici e di conseguenza tendono sempre con maggior vigore a rilassarsi, causando spiacevoli rughe o la formazione di doppio mento e zampe di gallina. Ovviamente, la ginnastica facciale non è in grado di compiere dei miracoli, ma se eseguita con costanza e con la giusta tecnica riesce senza alcun dubbio a migliorare l’aspetto del viso perché, come detto in precedenza, è in grado di favorire e migliorare l’afflusso sanguigno, rendendo la pelle più elastica.

Uno dei vantaggio migliori, poi, è quello che si riesce a praticare praticamente ovunque: a casa, in ufficio, in vacanza o addirittura alla fermata del bus, indifferentemente dall’età e dal sesso. Insomma, una delle poche tecniche in circolazione che riesce a dare risultati veramente a costo zero.

Grazie alla ginnastica facciale ovale del viso e agli esercizi di face yoga, la praticità della tecnica applicabile, poi, si unisce in maniera perfetta ai molteplici vantaggi corporei. Infatti, la ginnastica facciale riesce a contrastare l’invecchiamento cutaneo, riesce a donare un ovale del viso perfettamente definito, aumenta la produzione sia del collagene che dell’elastina e favorisce la formazione di una pelle bella, liscia, tonica e luminosa.

Esercizi di ginnastica facciale: come e quando farli

esercizi di ginnastica facciale: come e quando farli

Come anche per la normale ginnastica quotidiana è sempre meglio iniziare a praticare gli esercizi facciali sin da giovani, senza dover per forza aspettare la formazione delle rughe. L’età consigliata per iniziare è quella che va dai 18/20 anni in su, in quanto la giovane età fornisce grande elasticità alla pelle, che in quel momento risulta nel pieno della sua forza e di conseguenza i muscoli risponderanno subito, fornendo immediatamente ottimi riscontri.

Ovviamente superata una certa età i muscoli facciali iniziano a cedere e a perdere quella naturale malleabilità e flessibilità, come d’altronde il resto del corpo, ma questo non deve essere un motivo di vergogna e rassegnazione. Anzi, anche a quaranta, cinquanta o sessanta anni non è mai troppo tardi per cominciare a fare esercizi e a prendersi cura del proprio viso.

esercizi di ginnastica facciale per principianti

Come normale che sia, iniziando più tardi però si dovrà essere più costanti nello svolgimento degli esercizi di ginnastica facciale, in quanto la pelle non sarà più in grado di rispondere subito con flessibilità e perciò si dovrà essere più tenaci per rimodellare tutto in profondità. Ma non temete i risultati saranno comunque assicurati dopo pochi mesi.

Il tutto, poi, andrebbe unito ad una giusta dieta equilibrata, in quanto una corretta alimentazione risulta inevitabilmente necessaria per continuare ad avere una pelle giovane. Da non dimenticare soprattutto l’assunzione di molta acqua e di alimenti che contengono antiossidanti o vitamina E, in grado di preservare già di per sé la giovinezza della pelle del volto.

Esercizi di ginnastica facciale per principianti

Come detto, la parte più bella degli esercizi di ginnastica facciale, oltre a quella dei risultati estetici, è senza dubbio la possibilità di poterli svolgere ovunque ci si trovi e in pochissimi minuti. Infatti bastano poche semplici mosse eseguibili ovunque per arrivare ad ottenere ottimi risultati. Ecco come:

Rughe Glabellari

Il primo degli esercizi utili al vostro viso riguarda quello che vi farà ridurre le rughe glabellari, quelle che di norma si formano al centro della fronte, tra le sopracciglia.

rughe glabellari

Per eseguirli al meglio si inizia facendo una leggera pressione tra le sopracciglia, chiudendo delicatamente gli occhi, per poi continuare massaggiando prima da una parte e poi dall’altra la zona con dei movimenti circolari.

Dopodiché si prosegue il massaggio portando le dita sopra le sopracciglia, ed eseguendo un movimento verso la parte esterna per poi passare nuovamente verso il centro, seguendo la linea dei capelli. Tutto questo, se svolto correttamente, aiuterà l’intero equilibrio energetico del viso.

Far tornare il viso luminoso

far tornare il viso luminoso

Il secondo degli esercizi sarà in grado di ridare lucentezza e luminosità al viso. Si parte accarezzando la fronte dal basso verso l’alto e dal centro della fino all’esterno, poi partendo sempre dal punto al centro tra le due sopracciglia si fanno scorrere le dita verso gli angoli più esterni degli occhi e della palpebra.

Una volta eseguito questo movimento si procede pizzicando la pelle della mascella e del mento fino ai lobi delle orecchie, per poi tornare verso il naso, e con un movimento deciso distendere le pieghe naso-labiali fino alla bocca. Si finisce, con dei leggeri colpetti dei polpastrelli sul viso e sul collo per poi socchiudere gli occhi e rilassarsi totalmente.

Riduzione delle occhiaie

riduzione delle occhiaie

Il terzo esercizio sarà utile per la riduzione delle occhiaie. Infatti, massaggiando bene la zona sotto gli occhi si riesce a stimolare il drenaggio e saremmo così in grado di ridurre quelle bruttissime borse.

Si parte nuovamente picchiettando il contorno degli occhi per poi far scivolare le dita nella parte sottostante, massaggiando dall’interno verso l’esterno e viceversa. Dopodiché si dovranno appoggiare gli indici delle dita nella parte dove generalmente si formano le occhiaie e aprendo la bocca si dovranno sbattere le palpebre per circa trenta secondi.

Tutto questo aiuterà a ridurre il naturale gonfiore dovuto dalla stanchezza e rinforzerà tutti i muscoli del contorno occhi.

Rughe del sorriso

rughe del sorriso

Quarto esercizio è dedicato, invece, alle cosi dette rughe del sorriso. Si parte aprendo la bocca, dopodiché si batte delicatamente tutta la parte che si estende dal naso alla mascella.

Si posizionano, poi, le dita nell’angolo interno delle sopracciglia e sull’angolo esterno come a formare una “V”, quindi si chiudono gli occhi sollevandoli più che si può fino a sentire delle leggere pulsazioni.

Tutto questo, oltre a stimolare la produzione di collagene rinvigorisce la circolazione e distende le rughe più piccole, donando nuova linfa vitale a tutta la bocca. Tornerete, così, a sorridere con tutta la vostra lucentezza.

Tonificazione del contorno labbra

tonificazione del contorno labbra

Questo esercizio si concentra interamente sulla zona adiacente alle labbra. Molto spesso soggetta a precoce invecchiamento, soprattutto dovuto al peso e al fumo. Si parte raggruppando le labbra per poi spingerle in avanti.

Si mantiene tale posizione per circa dieci secondi, dopodiché si rilassa nuovamente la bocca e si appoggiano le dita sopra di essa prendendo leggermente. Fatto ciò si cerca di opporre una leggera resistenza con le labbra, provando a sorridere.

Questo tipo di esercizio ripetuto per una quindicina di volte aiuta a far lavorare la muscolatura della bocca, prevenendo in questo modo la formazione delle odiose grinze che tanto ci fanno invecchiare e attenua in maniera sostanziale quelle già esistenti.

Ridurre le zampe di gallina

ridurre le zampe di gallina

Questo esercizio se eseguito correttamente sarà in grado di ridurre in maniera netta la formazione delle famosissime e temutissime zampe di gallina.

Si inizia chiudendo gli occhi e portando le dita sugli angoli più esterni della cavità dell’occhio. Successivamente si tirano con forza le palpebre verso la tempia, provando nello stesso tempo ad aprire gli occhi forzando al massimo.

Si tiene la posizione per circa venti o trenta secondi e si ripete il tutto per dieci volte. Se eseguito correttamente questo tipo di esercizio donerà nuova energia al vostro viso, attenuando in modo significativo le odiate zampe di gallina, facendovi tornare giovani di tre anni.

Combattere il doppio mento

combattere il doppio mento

Ricordando che per combattere il grasso sul collo esiste anche una dieta per eliminare il doppio mento grazie al cibo, qui parliamo tuttavia di esercizi.

Dunque un esercizio utile sopratutto per gli uomini che tanto soffrono la formazione, in età prevalentemente adulta, del famigerato doppio mento.

Per tonificare i muscoli che si trovano sul collo e cercare di farlo sparire si inizia mettendoci comodi e rilassati su una sedia. Una volta trovata la posizione, mantenendo tutta la schiena in posizione eretta si porta la testa indietro e si inizia deglutire per circa venti o trenta volte. Fatto questo si ritorna nella posizione iniziale, rilassando le spalle e il collo e si riparte, eseguendo nuovamente l’esercizio per circa dieci o quindici volte.

Dopodiché, tornando con la testa indietro si cerca di sollevare la mandibola verso il cielo e spingendola in avanti si mantiene la posizione per venti secondi, ripetendo il tutto per dieci volte. Se tutto si esegue con massimo sforzo i risultati saranno evidenti e il doppio mento tanto temuto si attenuerà, donando nuovamente una forma ovale e pulita all’intero volto.

Tonificazione del collo

tonificazione del collo

Per cercare di ridare vigore al collo, invece, sempre da seduti, si porta nuovamente la testa all’indietro e si ritorna, con un movimento simile a quello precedente, nella posizione iniziale, proseguendo la discesa verso il basso e facendo allungare tutti i muscoli del collo.

Si esegue il movimento in maniera molto lenta per circa venti o trenta secondi ripetendolo per una decina di volte.

Così facendo si riescono ad allungare e distendere tutti i muscoli che generalmente tengono la nostra testa ben dritta, favorendo in maniera sostanziale la circolazione e aiutandovi molto anche per quel che riguarda la postura.

Post allenamento: come comportarsi

post allenamento: come comportarsi

Una volta eseguita l’intera linea di allenamento facciale, quello che molti suggeriscono è l’utilizzo di alcune creme o prodotti in grado di completare il percorso di rilassamento e svecchiamento cutaneo.

Le soluzioni più appetibili sono quelle contenenti peptidi, in grado di agire sugli evidenti segni dell’età dovuti alla perdita di collagene, come rughe d’espressione, pelle cadente o poco flessibile e poco tonica.

Tutto questo, unito all’esercizio costante e alla forza di volontà riuscirà in breve a donare nuova forza e nuova lucentezza a tutto il volto.

Molti atleti dopo aver eseguito allenamenti intensi consigliano anche di fare degli impacchi muscolari freddi, chissà che questo metodo non sia utile anche dopo un allenamento di ginnastica facciale, in quanto la crioterapia e l’esposizione alle basse temperature riesce in maniera efficiente a donare rillassatezza ai muscoli dopo ogni esercizio.

Potrebbe, dunque, essere un metodo alternativo per concludere in totale relax la vostra sessione di esercizio facciale.

Origini e studi scientifici di ginnastica facciale

origini e studi scientifici di ginnastica facciale

Se arrivati a questo punto ancora non siete convinti dell’efficacia di questo metodo, allora l’ultima cosa che vi possiamo dire è quella di rivolgervi direttamente al professore di dermatologia Murad Alam, della Northwestern University Feinberg School of Medicine. Il professore, infatti, è uno degli autori della ricerca riguardante questo tipo di esercizi e pubblicata direttamente sulla rivista scientifica Jama Dermatology.

Come affermato nello studio, infatti, gli esercizi facciali sembrerebbero davvero un metodo efficacie in grado di allargare e rinforzare tutti i muscoli del viso, rendendoli tonici e giovani.

Ovviamente il tutto si sta verificando con uno studio di più ampio respiro e con nuove prove per confutare tale tesi, ma se dovesse essere confermato, allora il metodo della ginnastica facciale sarà davvero la scelta low-cost e non invasiva migliore per riuscire a tornare giovani e bellissimi con poco dispendio di energia e di tempo.

Lo studio ha visto protagoniste circa una trentina di donne di età compresa tra i quaranta e i sessantacinque anni.

Tutte sottoposte a diverse lezioni di ginnastica facciale della durata di un’ora e mezza. Al termine degli allenamenti, a tutte le partecipanti è stato poi chiesto di continuare le esercitazioni in autonomia una volta al giorno per diverse settimane.

Arrivati a metà del programma, con l’ausilio di alcune fotografie che ritraevano le partecipanti prima e dopo l’inizio del trattamento se ne sono valutati gli effetti, e dalle diverse valutazioni ne è uscito che i miglioramenti erano effettivamente concreti e tangibili e riguardavano soprattutto la parte superiore e la parte inferiore delle guance, ma cosa ancora più importante è stata la scoperta che l’età media delle partecipanti, grazie al trattamento, sembrava diminuita di tre anni.

Tutorial e video corsi di ginnastica del viso

tutorial e video corsi di ginnastica del viso

Su MytonicFace puoi trovare corsi di ginnastica facciale per tutte le età e le esigenze.

Ovviamente, nell’era dei social network è possibile trovare una quantità enorme di video tutorial e corsi di ginnastica facciale online su come eseguire al meglio ogni tipo di esercizio descritto. Anche la stessa università di Chicago, subito dopo aver concluso lo studio, ha pubblicato tutte le descrizioni per eseguire al meglio gli esercizi.

Tra i tanti messi online sono presenti quello per liftare le guance, o Cheek Lifter, che consiste nell’eseguire dei movimenti con le labbra e con le guance o quello per tornare ad avere guance toniche, detto Happy Cheeks Sculping, che consiste prevalentemente nel riuscire a sorridere, stringendo in maniera vigorosa labbra e forzando il più possibile la muscolatura delle guance mentre si tengono le dita sugli angoli della bocca stirandoli verso l’alto per diversi secondi.

Insomma, se si vuole tentare di ringiovanire, il metodo della ginnastica facciale è a tutti gli effetti il miglior modo per provarci e l’immenso mondo di internet mette a disposizione degli aspiranti tentatori ogni consiglio e ogni esercizio per riuscirci al meglio

1 thought on “Ginnastica facciale: cos’è, a cosa serve ed esercizi per ringiovanire il viso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.